Giustizia per partito preso.

Giustizia per partito preso.

CRIMINOLOGIA.IT, RIVISTA INTERNET DI TEORIA E SCIENZE CRIMINA
Le inchieste
di Criminologia.it

 

di avv. Francesco Miraglia

 

Il partito preso è una brutta bestia.

Guai a parlare degli errori della giustizia, questa diventa una animale feroce,

mostruosa.

Ancora più cattiva diventa la giustizia, quando si parla di mala giustizia a mezzo

stampa e tv, questa bestia letteralmente ti ingoia.

Come tutti gli italiani ho seguito con estremo interesse la vicenda dei due fratellini di

Gravina di Puglia.

Ho visto con i miei occhi in tv, al Tg5, la magistrata che ha liberato Filippo Pappalardi

dall’accusa di aver sequestrato e ucciso i suoi due bambini, Ciccio e Tore, e di averne

occultato i cadaveri.

Era l’occasione giusta, per quei magistrati che hanno sbagliato, essere capaci di

abbassare gli occhi e di riconoscere: “Non è il padre il responsabile dell’orrenda fine di

questi due ragazzini, come eravamo convinti fino al punto di arrestarlo e tenerlo in

carcere per alcuni mesi con questa accusa infamante.

Ci siamo gravemente sbagliati, e questo fa parte della regola del nostro mestiere, ma

siamo sinceramente rammaricati di questo errore investigativo che ha distrutto la vita

di un cittadino, al quale auguriamo di ritrovare la serenità che gli abbiamo tolto”.

Non è stato cosi.

Il giudice ha sconfessato la sua convinzione e le stesse indagini, solo dopo che il

casuale, purtroppo, rinvenimento dei corpi caduti nella cisterna aveva dimostrato la

completa innocenza del padre degli stessi bambini.

Sono certo, anche questo magistrato, se è vero come è vero che ha sbagliato, lo ha

fatto, sicuramente, in buona fede, ma riconoscere di aver preso un grave abbaglio era

comunque un gesto lodevole e pregevole.

Ma questa è un’altra storia: il partito preso, un distacco graduale e senza scuse

dall’accusa principale, e una nuova accusa sorretta da ricostruzioni ancora una volta

affidate alla psicologa di turno, che è un dire tutto per dire niente.

In altre parole, la psicologa aveva deciso che Pappalardi, pur non essendo il feroce

assassino dei suoi figli, era un cattivo padre.

 

CRIMINOLOGIA.IT, AVV. FRANCESCO MIRAGLIA Pagina 1 di 2

http://www.criminologia.it/GIORNALISMO_INVESTIGATIVO/giustizia_per_partit… 15/11/2009