Il progetto “Mai più un Bambino” sbarca a Caserta per parlare di tutela dei minori

Il progetto “Mai più un Bambino” sbarca a Caserta per parlare di tutela dei minori


L’iniziativa sarà presentata nella prestigiosa cornice della Reggia di Caserta
Prosegue con successo l’iniziativa “Mai più un Bambino”, i cui obiettivi sono quelli di realizzare e proporre una serie di leggi a favore dei minori, i cui diritti,  sempre più spesso, vengono calpestati sia in ambito scolastico, che in quello sanitario e sociale e di sensibilizzare a queste problematiche quegli enti, che per svariati motivi, si trovano a stretto contatto con essi.
L’iniziativa, che è stata avviata nel mese di gennaio e portata avanti in tutta Italia, vede tra i promotori l’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF) di Roma, presieduto da Vincenza Palmieri che si è occupata degli aspetti pedagogici del progetto, l’avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena che ha curato invece i contenuti dal punto di vista legale ed infine l’onorevole Antonio Guidi, ex ministro alla Famiglia, che si è dedicato alle problematiche sanitarie.
La prossima tappa dopo Roma, Pinerolo, Limena, Milano, Invorio (solo per citarne alcune) sarà Caserta e la sua splendida Reggia dove il prossimo 24 maggio alle ore 14.30, presso la Cappella Palatina del Palazzo reale, in via Douet, si terrà la conferenza: “Un viaggio nei Diritti Umani, Diritti dei Bambini, Diritto all’Apprendimento, Costituzione e Legislazione” resa possibile anche grazie all’appoggio del Ministero per i Beni e le Attività culturali, della Provincia di Caserta, dell Consiglio Regionale della Campania, dei Comuni dell’Alto Casertano, dell’Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Venere, dell’Associazione delle Camere Minorili “Il Faro” di Santa Maria Capua Vetere ed infine dell’Ordine Sovrano Militare del Tempio di Jerusalem.
Sono molto soddisfatto – spiega l’avvocato Miraglia – di quanto sta avvenendo. Durante le conferenze sono sempre più numerose le persone che sposano la nostra causa e che voglio, attraverso il loro lavoro quotidiano, cercare di fare qualche cosa di concreto per i bambini. Spesso ci vengono chiesti consigli, suggerimenti, con sempre più frequenza ci si sofferma a condividere le preoccupazioni e a denunciare quanto avviene nelle diverse città. Mi auguro che tutto il lavoro svolto finora e che ci porterà ancora in giro per la Penisola, venga poi preso in seria considerazione da coloro che, a tutti i livelli, sono tenuti a governare il nostro Paese. Numerosi amministratori hanno già deciso di sottoscrivere la nostra petizione che è contenuta anche nel libro “Ma più un Bambino”, pubblicato nel 2013 da Armando Editore, nel quale vengono descritte le problematiche che i nostri piccoli si trovano spesso a dover affrontare. Per quel che mi compete ad esempio, oltre a soffermarmi sulle tematiche quali l’affido, l’accoglienza che sono argomenti che sono solito trattare in quanto mi occupo di Diritto di famiglia, denuncio apertamente anche il lavoro, talvolta malfatto, degli operatori sociali, descrivo la situazione di alcune case famiglia di cui, in alcuni casi, abbiamo sollecitato la chiusura come, ad esempio, per quella di Montalto delle Marche in provincia di Ascoli Piceno”.
Durante la presentazione interverranno anche la principessa Amelia Izzo d’Aragona, responsabile Relazioni istituzionali dell’INPEF, il dott. Francesco Morcavallo, giudice Tribunale per i Minori di Bologna, l’avvocato Eleonora Grimaldi del Tribunale per i Minori di Roma, la dott.ssa Stefania Petrera, pedagogista. A moderare l’evento, la giornalista Monia Gambarotto.