Il Pubblico Ministero sotto accusa.

Il Pubblico Ministero sotto accusa.

Modena, lì 27maggio 2009
 

 Al Procuratore Capo della Repubblica di Reggio Emilia

C/o Procura della Repubblica di Reggio Emilia

Sua sede

           

 

                                                                                                              Agli organi di Informazione
 
 
Il sottoscritto, avv. Francesco Miraglia in qualità di difensore di fiducia di Pino La Monica, sente il dovere di rivolgersi alla S.V. per le dichiarazioni del PM dott. Maria Rita Pantani negli organi di informazione locali di Reggio Emilia di mercoledì 27 maggio : “Non faccio commenti aspetto serenamente come tutti (tutti chi? Ndr) l’inizio del processo penale dove verranno accertati i fatti. Ribadisco solo che la dott.ssa Pace non ha mai presenziato quale consulente dell’accusa all’incidente probatorio, in quanto la sottoscritta come prassi non ritiene opportuno nominare propri consulenti. La Pace ha presenziato solo ad alcune audizione con me (quattro) ma mai all’incidente probatorio dove c’erano invece Nizzoli e due consulenti di parte…”
Sono non solo perplesso, ma decisamente preoccupato per simili “esternazioni” di fronte alla gravità degli atti processuali che abbiamo presentato agli organi istituzionali competenti.
Nessuno ha mai pensato di “agitare” il PM in questione non c’è alcun motivo per cui la dott.ssa Pantani debba perdere la serenità, ciò che mi preoccupa è che nel momento stesso in cui il PM dichiara di non voler fare commenti aggiunge notizie non corrispondenti al vero, e soprattutto fuorvianti per l’opinione pubblica e per le parti interessate.
Il mio assistito si è limitato soltanto a presentare documenti già agli atti in cui la dott.ssa Pantani smentisce se stessa.
Il  18 febbraio 2009 , lo ripeto per l’ennesima volta, all’udienza dibattimentale davanti al collegio Giudicante a pagine 5 del verbale di stenotipia la dott.ssa Pantani ha dichiarato che la dott.ssa Pace non ha mai svolto nessuna attività di consulenza La dott.ssa Anna Pace non è mai stata una mia consulente, una consulente di parte, non ha mai partecipato alle operazioni peritali, è stata soltanto una psicologa che nell’immediatezza ha aiutato il Pubblico Ministero a sentire due testimonianze delle minori poi confluite in incidente probatorio. La dott.ssa Anna Pace non ha partecipato in nessuna occasione e in nessun atto dell’incidente probatorio, per cui anche questa non è ammissibile… !
Sono questi i motivi per cui abbiamo denunciato il magistrato Pantani per falso il atto pubblico. Di fronte a queste denunce la dott.ssa Pantani si sente in dovere di continuare a sostenere alla stampa davanti agli organi di informazione che “la dott.ssa Pace ha presenziato solo ad alcune audizioni con me di alcuni minori quattro ma mai all’incidente probatorio”
Risulta incomprensibile se non un’arrampicata sugli specchi l’accostamento Pace / incidente probatorio.
La dott.ssa Pantani, purtroppo, si ostina a dichiarare che la dott.ssa Pace non era una sua consulente.
Sono costretto ad inviare anche agli organi di informazione copia del verbale di confronto di CTP della dott.ssa Pace al firma della dott.ssa Pantani in cui smentisce se stessa.
Il PM, inoltre, in relazione riferisce di 2 audizioni in cui ha pronunciato la dott.ssa Pace, affermazione smentita dalla stessa Pace/Pantani/  Beretti.
A questo punto, sono costretto a rivolgermi a lei affinché faccia chiarezza in merito e vigili sulle affermazioni non corrispondenti al vero di un PM della Procura della Repubblica. Mi preme sottolineare che non c’è nessun atto di carattere personale, né l’imputato né questa difesa possa accettare un processo con materiali e contenuti di questo tipo.
                                                                                             Avv. Francesco Miraglia
Materia solidale
Procuratore contro Miraglia
Replica a Miraglia