Servizio Sociale. Minori. Avvocato Miraglia Tag

  • Sort Blog:
  • All
  • Articoli Recenti
  • Comunicati stampa
  • Evidenza
  • In Evidenza
  • L'inchiesta
  • L'indiscreto
  • La giustizia e la mala giustizia
  • La Vetrina
  • Le vostre storie
  • Minori
  • Primo Piano
  • Principale home
  • Psichiatria
  • Scelta di campo
  • Sentenze
  • Senza categoria

Bologna: adolescente accoltella il fratello

L’assistente sociale vuole allontanare da casa il ragazzino ferito: denunciata 

BOLOGNA (5Agosto 2022). Un tredicenne con problemi comportamentali, in uno dei suoi sempre più frequenti scatti d’ira furiosa, ha accoltellato al braccio il fratello undicenne: ma i Servizi sociali del Comune appartenente alla città metropolitana di Bologna dove vive la famiglia hanno ipotizzato di allontanare il ragazzino ferito, lasciando il fratello “violento” con i genitori, così da “dar loro del respiro” e concentrarsi di più su di lui.

«Il quale è evidente che ha necessità di essere aiutato con percorsi e sostegni specifici, come indicato anche dalle sue neuropsichiatre sottolinea l’avvocato Miraglia, legale della famiglia però i Servizi sociali in due anni  hanno ritenuto di non intervenire, sebbene la sua violenza abbia avuto progressivamente un’escalation fino ad arrivare a ferire il proprio fratellino: dobbiamo aspettare il morto perché qualcuno intervenga?». 

Vista la gravità di quanto accaduto e l’inerzia dei Servizi sociali, la famiglia ha provveduto a querelare l’assistente sociale per omissione atti d’ufficio e lesioni personali colpose.

Il tredicenne ha iniziato a manifestare incontrollabili scatti d’ira furiosa circa due anni e mezzo orsono, divenuti via via sempre più ravvicinati e violenti: distrugge ogni cosa si trovi alla sua portata (ha causato danni per migliaia di euro al mobilio e alle suppellettili di casa), minaccia di uccidersi e di uccidere nel sonno il fratello o chi gli sta intorno, compreso la persona cui era stato affidato temporaneamente, per vedere se un allontanamento provvisorio da casa avrebbe smorzato i suoi eccessi. Nessun beneficio trae dalla cura farmacologica, a tal punto che anche le neuropsichiatre che lo hanno in cura hanno ipotizzato come soluzione migliore il suo ricovero in una struttura specializzata. In tutto questo tempo i Servizi sociali hanno temporeggiato fino ad arrivare all’ultimo, clamoroso episodio, nel quale il 19 luglio scorso il tredicenne, al culmine di uno dei suoi attacchi d’ira, ha impugnato un coltello da scanno e sferrato un fendente al braccio del fratellino, causandogli una ferita profonda.

«Nonostante sia tutto documentato – prosegue l’avvocato Miraglia – i Servizi continuano a temporeggiare senza contare il silenzio da parte del tribunale dei minorenni nonostante sia a conoscenza della situazione. È facile supporre come le assistenti sociali non abbiano la competenza professionale per gestire problematiche così gravi, pertanto sarebbe giusto accogliessero le proposte avanzate dagli specialisti, quali appunto le neuropsichiatre che hanno in cura l’adolescente. Ed è purtroppo ancora una volta evidente come il Tribunale per i minorenni scelga di farsi passare sotto il naso le relazioni dei Servizi sociali, prendendole per oro colato, senza preoccuparsi di analizzarle né di richiedere approfondimenti, lasciando che tutto scorra per inerzia. Ma in un caso grave come questo ogni minuto che passa potrebbe essere fatale. Dopo inutili e molteplici solleciti, nonché tutti gli eventi occorsi, solo recentemente il servizio sociale ha dichiarato di aver contattato una comunità, senza però iniziare alcuna pratica con la famiglia, che è tuttora in attesa di risposte, sperando che non arrivi il fendente decisivo!».