Bologna: una madre vittima dei servizi sociali: una storia di errori che hanno rovinato una famiglia

Bologna: una madre vittima dei servizi sociali: una storia di errori che hanno rovinato una famiglia

Il caso di Angela (nome di fantasia), una mamma di 46 anni, è l’ennesima triste vicenda dovuta al malfunzionamento dei servizi sociali e alle errate valutazioni dei loro operatori. La signora ha convissuto 12 anni con Roberto (nome di fantasia), una convivenza che non esita a definire “molto sofferta”, durante la quale è stata più volte vittima dell’atteggiamento aggressivo del compagno, al punto da doversi rivolgere ad un centro antiviolenza. Nonostante ciò, la coppia ha avuto due figli, Luca e Martina (nomi di fantasia), classe 2000 e 2004, che hanno assistito per anni alle dolorose dinamiche familiari. La famiglia è stata presa in carico dal servizio sociale di Bologna, ma invece di trovare aiuto e conforto in questa istituzione, la signora ha dovuto denunciare nel tempo fatti spiacevoli dovuti alla condotta errata degli operatori, caratterizzata da disattenzioni, valutazioni superficiali e scarso interessamento al caso. Tra le principali accuse rivolte agli assistenti sociali vi è la falsificazione dei fatti commessa nell’ultima redazione stilata, nella quale Anna denuncia una “palese distorsione della realtà”, con l’omissione di elementi fondamentali e la messa in evidenza di falsi particolari che la pongono in cattiva luce e ne delineano un’immagine non attendibile.

I rapporti con gli assistenti sociali per Angela non sono mai stati facili. Nelle loro valutazioni, la descrivono eccessivamente aggressiva, provocatrice e bugiarda, “ostacolante e non collaboratrice”, nonché disattenta nei confronti dei figli. Tuttavia, i servizi sociali hanno sempre omesso di specificare la precaria condizione in cui Roberto ha lasciato la compagna; infatti, la signora e i figli sono stati sfrattati in quanto lui ha smesso di pagare l’affitto e, come se non bastasse, Angela ha anche dovuto successivamente interrompere il supporto domiciliare che le era stato concesso poiché in concomitanza con il suo orario di lavoro. La signora denuncia, poi, il mancato rispetto da parte del servizio sociale dell’ordine di protezione emesso a sua tutela, in base al quale il padre dei bambini non poteva avvicinarsi a lei, dal momento che l’aveva precedentemente violentata e picchiata. Gli assistenti, ignorandolo, costringevano la donna a compiere il percorso di valutazione genitoriale insieme al compagno, con suo grande disagio e fatica. L’atteggiamento violento di Roberto è continuato nonostante l’ordinanza, tanto che Angela doveva necessariamente lasciare i figli a un incrocio della strada al momento dell’incontro con il padre, per non entrare in contatto con lui. Questo fatto, segnalato in procura anche dal maresciallo dei carabinieri in carica, non era legale in quanto il servizio avrebbe dovuto obbligatoriamente assicurare la presenza di un educatore. Nonostante l’aggressività del compagno e le spiacevoli circostanze, la signora non ha mai smesso di permettere ai bambini di vederlo, dovendo rinunciare anche al nuovo lavoro da badante per poter garantire gli incontri. Si trattava di un impiego fondamentale per l’economia familiare poiché era l’unica fonte di sostentamento della famiglia, in quanto Roberto non versava più gli assegni per il mantenimento dei figli come imposto dal giudice. Angela si è vista costretta a fare domanda per accedere al banco alimentare, richiesta tuttavia negata dai servizi sociali, rifiuto (riguardante anche la domanda di sostegno psicologico ed economico) del quale non si fa mai menzione nei documenti ufficiali. Infatti, invece di ricevere un aiuto, era stata indirizzata alla distribuzione alimentare della Caritas, cosa di cui non ci sarebbe stato il bisogno se la signora avesse avuto la possibilità di lavorare invece di essere costretta ad abbandonare l’impiego per rispettare gli orari imposti dai servizi. Inoltre, nonostante le sue numerose sollecitazioni, inefficace e quasi nullo è stato il supporto psicologico per la figlia Martina, di cui gli assistenti sottolineano i problemi di apprendimento già alle elementari, senza però specificare che erano probabilmente attribuibili alla convivenza con il padre violento. Sembra che per Martina il rapporto con il papà sia sempre stato problematico: la madre sostiene che, anche dopo la sua separazione dal compagno, la figlia era sempre alterata dopo gli incontri con Roberto e che non ha mai ricevuto l’aiuto di cui necessitava, benché suggerito anche dal pediatra. Infatti, la bambina tornava dalla madre profondamente arrabbiata nei suoi confronti, accusandola di avere distrutto la famiglia e sostenendo, sotto sollecitazione del papà, che la colpa della separazione fosse unicamente sua. L’atteggiamento aggressivo di Martina nei confronti di Angela si è aggravato al punto da far sì che gli assistenti sociali collocassero i figli presso il padre, che fece loro cambiare immediatamente scuola e medico di riferimento, senza discuterne con l’ex compagna prima e senza informarla a cose fatte. Pare, infatti, che lei l’abbia scoperto andando a prendere un giorno Martina a scuola e non trovandola. Gli assistenti avrebbero poi gestito la situazione come se la collocazione dei figli presso il padre fosse un affidamento esclusivo, imponendo a lei di vederli solamente tramite incontri protetti, nonostante Roberto avesse già subito una condanna per violenza sessuale e maltrattamenti gravi in famiglia. La signora ha denunciato l’omissione da parte dei servizi sociali nelle loro relazioni della mancata garanzia degli incontri e dell’infelicità dei figli, a cui mancava la madre e che non erano contenti della scelta fatta. Nel periodo di permanenza dei bambini dal padre, le condizioni di Martina sono notevolmente peggiorate, specialmente sul piano scolastico: Angela dichiara di esserne stata informata direttamente dall’istituto frequentato dalla figlia (di cui lei non era comunque a conoscenza poiché tenuta all’oscuro anche delle scuole frequentate dai suoi ragazzi), benché le dichiarazioni degli assistenti sociali smentissero la realtà dei fatti sostenendo un miglioramento della ragazza da quando abitava presso Roberto. I problemi di Martina non erano limitati all’apprendimento, ma erano anche e soprattutto comportamentali: a scuola era spesso assente, mostrava un atteggiamento irrispettoso e violento e frequentava ragazzi che consumavano sostanze, facendone uso talvolta anche lei stessa. I servizi sociali, tuttavia, non hanno mai ammesso le molteplici segnalazioni della madre a questo proposito e, dopo un incontro a scuola con lei e gli insegnanti, non hanno comunque preso nessun provvedimento a favore della figlia. La situazione non è quindi migliorata, al punto che la ragazza ha chiamato la madre disperata perché voleva tornare da lei, dicendole che le era impedito dal padre, dalle assistenti sociali e dalla psicologa, da cui era stata indotta in passato a credere che la mamma fosse inadeguata a prendersi cura di lei e di suo fratello, nonché spinta a rilasciare dichiarazioni in favore del padre, senza tuttavia credere a ciò che diceva. Benché Angela abbia cercato più volte di contattare i servizi per poter riavere i figli, dal 2018 al 2020 è rimasta senza assistente sociale di riferimento, così da dover necessariamente lasciare la situazione in stallo, nonostante la grande sofferenza sia da parte sua che dei suoi ragazzi. Non sapendo, infatti, a chi rivolgersi, era del tutto impotente e impossibilitata a prendere qualsiasi tipo di iniziativa, dal momento che non poteva consultarsi con nessuno e non vi era alcun referente a cui chiedere il permesso. Un cambiamento è avvenuto soltanto a luglio 2020, quando ha avuto la possibilità di trascorrere due settimane con Martina. Insieme alla madre, Martina ha riacquistato serenità, ma il loro riavvicinamento non è stato privo di domande drammatiche, che hanno portato alla luce le false informazioni riguardanti Angela che gli assistenti sociali hanno riferito ai bambini negli anni, come se fosse stata intenzionalmente una mamma cattiva e assente, che trascurava i figli e non si preoccupava del loro stato di salute. Inoltre, pare che gli operatori non abbiano mai consegnato ai ragazzi i regali che la signora preparava per loro in occasione degli incontri e che abbiano addirittura consigliato a Martina, sprovvista di carta d’identità, di dichiarare che la madre era morta per poterla ottenere più agilmente. Davanti a queste dichiarazioni e al pianto disperato della figlia, Angela si è recata col suo legale presso la sede dei servizi sociali, dove è stata ricevuta dalla dirigente, che si è scusata dell’operato delle colleghe e ha promesso di stilare una nuova relazione per il Tribunale dei Minori al fine di dichiarare la volontà di Martina di tornare a vivere presso la madre e di segnalare le lacune e gli errori dei precedenti assistenti. Questo documento, tuttavia, non è mai stato scritto. L’assistente sociale deputata a seguire il caso è cambiata nuovamente e le procedure sono ricominciate dall’inizio, nonostante l’insofferenza della ragazza e la mancata volontà di ristabilire un calendario di incontri. Inoltre, allontanata ancora una volta dalla madre, Martina è stata nuovamente costretta a mentirle in favore del padre, nel frattempo condannato penalmente. Infatti, se lei fosse ritornata con Angela, Roberto avrebbe perso la collocazione della figlia minorenne presso di lui e sarebbe finito in carcere. Dopo essere tornata presso il papà, senza la possibilità di vedere la mamma con continuità, sembra che la ragazza sia nuovamente peggiorata nel comportamento.

Angela ha segnalato più volte l’abbandono dei suoi figli da parte del servizio sociale, l’impossibilità di comunicare con gli assistenti e l’omissione e la falsificazione delle informazioni da parte degli operatori sia nelle relazioni che nelle comunicazioni tra i membri familiari. Ha raccontato la sua storia su Facebook, ricevendo il sostegno di moltissime persone e la conferma di non essere l’unica a subire questi maltrattamenti. A suo favore sono state fatte varie interpellanze anche da parte delle onorevoli Veronica Giannone e Mariateresa Bellucci. Nonostante ciò, a seguito della relazione del 20 agosto 2021, dalla cui lettura ha potuto evincere l’errato racconto della sua vicenda e la falsa descrizione della sua situazione, Angela si è trovata costretta ad esporre denuncia nei confronti degli operatori del Servizio Sociale Tutela Minori del Quartiere Savena e Santo Stefano di Bologna per i reati di abuso di ufficio, lesioni personali, violenza privata, nonché di falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità e di false dichiarazioni all’autorità giudiziaria. Infatti, a pochi giorni dal compimento della maggiore età della figlia più giovane, non ha potuto che constatare amaramente di non essere riuscita a salvare nessuno dei suoi bambini e di non aver nemmeno potuto preservare Martina dall’acquisire il medesimo comportamento aggressivo del padre, cosa su cui era stata messa in guardia da più persone e per la quale Angela prova oggi un forte rammarico. La signora si è sempre battuta senza mai arrendersi, nonostante non riuscisse ad ottenere alcun progresso con il passare del tempo, e racconta oggi, senza più piangere ma con parole che ben esprimono la sua profonda sofferenza, che i suoi figli “sono il prodotto delle istituzioni”, dalle quali non ha mai ricevuto alcun aiuto e, anzi, delle quali è stata fin dall’inizio soltanto una vittima.