Per l’avvocatessa bolognese e la sua bambina di 1 anno è stato disposto il rientro a casa dopo quasi un anno di comunità

Per l’avvocatessa bolognese e la sua bambina di 1 anno è stato disposto il rientro a casa dopo quasi un anno di comunità

Bologna 27 Luglio, finalmente l’incomprensibile decisione assunta dai servizi sociali bolognesi, nei confronti di una madre (stimatissimo avvocato di professione), e della sua bambina di pochi mesi, gravemente malata, costrette a vivere, dentro una comunità, senza l’imprescindibile apporto dell’ambiente familiare, e dei propri affetti, nonché di una dimora più che adeguata, è stata stravolta dal Tribunale dei Minori di Bologna, grazie all’istanza urgente presentata dall’Avvocato Miraglia, difensore nominato dalla mamma della bimba.

“Ci riteniamo molto soddisfatti, – dichiara l’Avvocato Miraglia – per il risultato ottenuto oggi, e per la rinnovata possibilità  restituita a questa mamma, ed alla sua piccina, di vivere in un ambiente familiare materno, contornato dagli affetti più cari, e da un clima armonioso e sereno, che rappresentano un sostanziale e reale sollievo, nonché aiuto concreto, per questo nucleo familiare.  

Il calvario di questa mamma e delle sua piccolina, cominciò a Novembre 2020, quando il servizi sociali di Bologna, disponevano la collocazione della neonata di pochi mesi, presso una comunità, con o in assenza della madre, una bimba molto piccola, affetta da gravi problemi di salute.

La madre viene accusata dai sociali di essere oppositiva alle terapie suggerite dal personale sanitario, in quanto a seguito del quinto intervento chirurgico, subito dalla neonata, di cui 3 a cuore aperto, constatando le reali condizioni di salute della sua bambina, per niente convincenti agli occhi della madre, a discapito di ciò che asserivano i medici, al fine di tutelare la salute della propria figlia, e garantirne la serenità ed il riposo necessario, si opponeva che venisse trasferita nel reparto di pediatria, e che continuasse ad essere collocata per il tempo necessario alla riabilitazione della piccola, presso il reparto specializzato.

Ciò nonostante la richiesta della madre non venne rispettata, la bambina venne spostata di reparto, con il conseguente e repentino peggioramento delle condizioni si salute della piccina, tanto da costringere i medici, nuovamente, a sottoporla d’urgenza, ad un ulteriore intervento, a comprova della reale fondatezza di ciò che la madre aveva oggettivamente percepito e rilevato rendendo fondatissima, e motivata la sua richiesta.

Sta di fatto, però, che nonostante la palese valenza delle posizioni della madre volte alla reale tutela della bimba, partì ugualmente l’infondata segnalazione ai servizi sociali, che senza alcun tipo di accertamento, costrinsero madre e bimba, una volta dimessa dall’ospedale, ad essere collocate presso una comunità d’accoglienza, sospendendo addirittura la responsabilità genitoriale alla madre, e nominando un Tutore provvisorio per la bimba.

Una comunità, quella stabilita per la collocazione di mamma e bimba, dai sociali Bolognesi, fatiscente, senza riscaldamenti, priva di acqua calda e di qualsiasi forma di accoglienza e di confort, un luogo potenzialmente  pericoloso per la più che cagionevole salute della bimba, esposta a contrarre infezioni, con il rischio di aggravarne le condizioni.

Una mamma e la sua bimba, costrette a vivere lontano dalla famiglia materna, senza potersi avvalere della serenità e dell’affetto profondo dei propri cari.

Una situazione talmente squalificante questa, palesemente volta a cagionare più problemi, senza che vi sia una reale intenzione di risolverli, ma piuttosto di volerli “inventare”, quando in realtà non vi è alcuna sussistenza.

Siamo sempre più perplessi in qualità di cittadini, circa la reale competenza e l’utilità di sociali che agiscono in questa riprovevole maniera, offendendo e deturpando il nostro paese, divenuto famoso per le scelte spesso dissennate, e per i madornali problemi causati dall’incompetenza dei sociali, colpevoli della disgregazione di molte famiglie.

Un ruolo sinistro quello svolto da certi sociali, che ci hanno fatto scoprire l’esistenza di un traffico umano di minori, puntualmente sottratti, con violenza alle loro famiglie, per poi scoprirne l’infondatezza di tali allontanamenti, causa di danni incommensurabili, a tutto il tessuto sociale.