Il progetto a difesa dei minori “Mai Più un Bambino” diventa giornata internazionale e approda nella casa famiglia di “Capitano Ultimo”

Il progetto a difesa dei minori “Mai Più un Bambino” diventa giornata internazionale e approda nella casa famiglia di “Capitano Ultimo”

Il progetto “Mai Più un Bambino” a difesa dei minori e delle famiglie che ogni giorno lottano perché i loro piccoli vengano rispettati sia dal punto di vista giudiziario che nel campo sanitario e pedagogico raggiunge un nuovo traguardo. Dopo essere stato oggetto di un libro, scritto dall’avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, dall’ex Ministro alla Salute Antonio Guidi e dalla presidente dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF) Vincenza Palmieri ed edito dalla Armando Editore (2013) diventa un appuntamento annuale con l’istituzione della Giornata Internazionale “Mai Più un Bambino” .
 
 
 
La prima si svolgerà il prossimo 23 giugno dalle 10 alle 18 presso la sede dell’Associazione Volontari Capitano Ultimo presso la Tenuta della Mistica a Roma. Un momento di grande festa quello organizzato dall’Associazione Nazionale dei Pedagogisti, dall’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare e dalla Casa Famiglia Volontari Capitano Ultimo che prevede vari momenti di incontro e confronto a partire dal workshop dal titolo “Modelli di accoglienza e accompagnamento, Vivere senza Psicofarmaci®, Scambio, lavoro, educazione, criminalità: il valore aggiunto della “differenza”” che vedrà l’intervento dei relatori Vincenza Palmieri, Francesco Miraglia, Francesco Morcavallo, Stefania Petrera, Eleonora Grimaldi, Amelia Izzo, Adele Cagnetta, Padre Rovo, i Carabinieri volontari e i Minori stranieri non accompagnati.
 
 
 
Si tratta di un momento importante – spiega l’avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, che è stato fin dall’inizio uno dei promotori del progetto – che ribadisce la nostra volontà concreta di lavorare attivamente, insieme ad altri gruppi, associazioni, singole persone affinché i diritti dei bambini vengano riconosciuti. Da sei mesi, stiamo portando in giro per l’Italia un messaggio chiaro: i minori vanno tutelati ogni giorno dell’anno e non solo quando i fatti di cronaca ci ricordano che esistono. Essi vanno seguiti, devono poter continuare a vivere in famiglia qualora le loro singole situazioni lo permettano, oppure essere ospitati in case famiglia che effettivamente ne garantiscano la “tutela” e non che li usino come “businness”. I bambini vanno amati, ascoltati e non sottoposti a trattamenti sanitari obbligatori o riempiti di farmaci. Il fatto che anche l’associazione di Capitano Ultimo, o meglio del Colonnello Sergio De Caprio (noto ai più per aver arrestato Totò Riina nel 1993) abbia deciso di sposare questa causa, ci onora e ci conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione”.
Una giornata nella quale si alterneranno anche momenti di animazione come lo spettacolo del “Volo del Falco” o ancora quello curato dagli Artisti per i Diritti umani, i laboratori pratici sulla lavorazione del pane, dei dolci, della pasta e dell’artigianato (curati anche dai Richiedenti asilo), il mercatino etnico e l’esibizione del gruppo musicale “Ghost” con Alex e Enrico Magistri.
 
.